seguici su:

Accedi/registrati

Catasto. Servizi catastali online del Network Catasto®

Classamento catastale unità immobiliari

Descrizione e contenuti nel linguaggio tecnico del Catasto e della Conservatoria della parola "Classamento"

Classamento catastale Se prendiamo la definizione di classamento nel linguaggio tecnico sarebbe: "Assegnare a ciascuna unità immobiliare urbana o porzione di terreno costituita da una particella catastale, la categoria e la classe di competenza a cui essa appartiene", più specificatamente sarebbe quello di assegnare alle unità immobiliari quei parametri che ne faranno scaturire la rendita catastale.

Anche se non è specificamente stabilito, anche la consistenza catastale fa parte del classamento, infatti per arrivare alla rendita catastale bisogna avere la consistenza, la categoria e la classe.

La consistenza catastale, varia a seconda del tipo unità, saranno vani se parliamo di fabbricati urbani, fino a quando non si provvederà ad aggiornare il catasto per cui si utilizzerà la superficie catastale, la categoria catastale dipende dalla natura e dall'uso a cui è destinata l'unità immobiliare, le categorie catastali dei fabbricati posso essere visionate cliccando in questo link, mentre per categoria catastale dei terreni si intende la coltura a cui è destinato il terreno, pascolo, seminativo, bosco, ecc.

La classe invece è un parametro che fa variare la rendita unitaria all'interno d'una categoria, dipende da diversi fattori variabili quali: la zona d'ubicazione, la capacità a produrre un reddito, mentre lo stato di conservazione non fa variare la classe perché potrebbe essere sistemato in qualunque momento e tornare alla produzione del reddito originario.

Oggi il classamento dei fabbricati avviene per mezzo delle denunce catastali DOCFA, che sarebbe un software che calcola la consistenza e attribuisce la categoria e la classe in automatico, il proprietario ed il tecnico suo incaricato, possono proporre un classamento diverso da quello automatico, dandone giustificazione, il catasto può di suo canto può approvare il classamento proposto in via definitiva, oppure riservandosi entro dodici mesi di rivedere il classamento attribuendone uno diverso, in tal caso il proprietario potrà fare ricorso alla Commissione Tributaria entro i termini dopo di che il classamento catastale dell'immobile sarà definitivo.

Richiedi info senza impegno

Nome*
E-mail*
Testo*
Accetto NON Accetto