Bene Comune Censibile

Descrizione e contenuti nel linguaggio tecnico del Catasto e della Conservatoria della parola "Bene comune Censibile"

Un esempio di bene comune censibileIl Bene Comune Censibile o abbreviato BCC, è stato istituito nel 1984 dal ministero che allora regolamentava il Catasto che era il Ministero delle Finanze, con Circolare N° 2 del 20 Gennaio 1984, che recita:

I.3.3.1. PORZIONI CENSIBILI COMUNI A PIU' UNITÀ IMMOBILIARI.
Si tratta ovviamente di quei beni costituenti unità immobiliare in quanto portatori di autonoma capacità reddituale che forniscono servizi comuni o sono fruibili da piu u.i. (ad esempio l'alloggio del portiere, la piscina, ecc.) e come tali dichiarati.

Il bene comune censibile quindi va dichiarato come una qualsiasi altra unità immobiliare, con relativa planimetria catastale, consistenza e rendita. la differenza però sta nell'intestazione della ditta catastale che in questo caso va messa la dicitura "BENE CIMUNE CENSIBILE" e sono catalogati in una partita catastale non numerica detta "Partita Speciale".

Circolare 2 20gen1984
UTENTI REGISTRATI


recupera password
Stime immobiliariCatasto LibreriaAbbonamento Fai da Te Catasto